Reiki: i Canali


Esistono nel nostro corpo tre diversi canali: destro (pingala), sinistro (ida) e centrale (sushumna). Il canale sinistro (ida) corrisponde al nostro passato, alle emozioni, ai desideri, alla sfera affettiva. Termina nel superego, che é il luogo di raccolta di tutte le nostre memorie, abitudini e condizionamenti. Il canale destro (pingala) corrisponde alle nostre azioni e pianificazioni, alla nostra attività mentale e fisica. Termina nell’ego che ci dà il senso dell’Io, di essere separati dal mondo. Il canale centrale (sushumna) é il canale dell’ascesa, é il potere che sostiene la nostra evoluzione e ci guida verso la consapevolezza superiore “Sahasrara” il settimo chakra. L’uomo, al pari degli animali, agisce in base a schemi (o modelli) di comportamento, che regolano oltre il 95 per cento delle sue azioni e dei suoi pensieri quotidiani. Questi schemi si sono formati soprattutto nell’infanzia e nell’adolescenza, e hanno come finalità elettiva quella di far evitare il dolore, e in misura minore, di ricercare il piacere. Mentre per gli archetipi sono, modelli di comportamento “collettivi”, caratteristici dell’intera specie umana, gli “schemi di comportamento” hanno vari gradi di complessità tanto che possiamo associarli alla “Scala del Loto” ossia alla catena dei “Chakra”.
I Chakra sono dei vortici di energia che hanno la funzione di attirare l’energia universale per alimentare i vari livelli del campo energetico, e collegarli con il corpo fisico. Il loro buon funzionamento é assai importante, poiché essi influenzano sia la psiche sia il fisico, un flusso squilibrato di energia può causare disturbi od alterazioni di carattere psicologico con consequenziale insorgenza di diverse patologie a livello fisico.